Press "Enter" to skip to content

Aeroporto: tempo scaduto

Lettera Politica N. 164

Adesso il tempo è scaduto. Non si può più far finta di non vedere, Non si può tirare avanti come colpevolmente è stato fatto finora. Verona non può più permettersi di tenere un aeroporto come quello che ha. E’ imbarazzante sentirsi dire da chi sbarca nella nostra città ” Verona è bellissima, ma avete un aeroporto che fa pietà !
L’inadeguatezza del Catullo balza all’occhio anche a chi non è del mestiere. Basti pensare che ormai i veronesi sono costretti quasi sempre ad andare a prendere l’aereo a Venezia o a Bergamo. Se poi ci si addentra a fare un po’ di conti, a fare il confronto con gli altri aeroporti, ad analizzare l qualità dei voli, a valutare gli investimenti, a considerare le prospettive future ci si accorge che la situazione è tragica.
E siccome questa situazione è evidente a tutti c’è chi comincia ad approfittarsene chiedendo che le concessioni quarantennali degli scali di Verona e Brescia, a tutt’oggi di un’unica proprietà, vengano scorporate; che a Monticherai venga costruito un grande hub di respiro europeo che distruggerebbe il Catullo e non solo; che a Verona venga tolta la concessione per fare una gara internazionale, come proposto giorni fa dall’eminenza grigia della Lega il sottosegretario Giancarlo Giorgetti.
Ovviamente la dirigenza, appiattita sul socioforte che è la veneziana Save, racconta che tutto va ben madama la marchesa. E che cosa dovrebbero dire? Che ver consegnato il nostro aeroporto nelle mani della concorrenza è stata una scelta sciagurata? Che gravissime sono le responsabilità di chi è complice della riduzione dell’aeroporto veronese a un aeroporto di periferia, un satellite di Venezia? Che con i 60 milioni di euro per i prossimi 12 anni ( 2031!) programmati in bilancio dalla Save pensare ad un rilancio è semplicemente ridicolo?
E’ ora che i soci veronesi si facciano sentire! La Fondazione Cariverona lo ha già fatto. Ora tocca al Comune e alla Provincia. Ma subito! Non c’è più tempo.

10797 visite totali 9 visite oggi

Like
Like Love AhAh Wow Sigh Grrr
9

One Comment

  1. Alvise Minghetti
    Alvise Minghetti Maggio 6, 2019

    Articolo ben scritto che da una chiara visione strategica di quello che succede. Credo che, con le elezioni alle porte, o il centro destra si sveglia e si da spazio alle esigenze ai territori come Verona o meglio cambiare. Non è una minaccia, ma continuare ad avere un Riello Presidente della Camera di Commercio, Arena Presidente della Confcommercio ed Aeroporto, CONFINDUSTRIA che continua ad appoggiare questo personaggio, e tempo di reagire prima che perdiamo tutto. Non è un mistero che siamo i parenti poveri di Venezia e cugini di 3 grado dei Lombardi e questa situazione va avanti da anni senza una ben che minima reazione da parte della politica territoriale.

    Dico adesso o mai più, mettiamoli tutti da parte a cominciare da Sboarina che tutto vuole fare che il Sindaco.

    Alvise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[sg_popup id=3]