Press "Enter" to skip to content

Ama il prossimo tuo…più di te stesso

Lettera Politica N. 592

A Ventimiglia i francesi -governo socialista- hanno schierato la polizia alla frontiera per impedire l’entrata in Francia dei clandestini provenienti dall’Italia. La Svizzera, esempio rispettato di democrazia e rigore nelle relazioni internazionali, respinge sistematicamente i tentativi dei clandestini di passare il confine. Lo stesso fa l’Austria, civile, efficiente e democratica.

Siamo solo noi italiani gli unici ad aprire la porta di casa a tutti.

Gli altri si difendono. Noi no.

Austria, Svizzera e Francia li respingono. Noi ce li andiamo a prendere.

Ma gli idioti al servizio dell’invasione non dicevano che tanto i clandestini dei barconi si fermano in Italia solo qualche giorno, giusto il tempo per prendere un treno che li porti al Brennero, a Chiasso o a Ventimiglia?  Invece li respingono e così ce li dobbiamo tenere tutti sulla groppa noi perché gli altri stati europei chiudono le porte.

Gli altri si difendono. Noi no.

E allora avanti, si accomodino! Venghino, venghino signori!

Anzi, andiamo anche a prenderceli!

Tanto, di spazio e lavoro ce n’è per tutti! E anche di soldi da buttar via.

Che cosa vuoi che siano per dei ricconi come noi 35 euro al giorno dati ad ognuno di quei giovanottoni scesi dal barcone? In fin dei conti tratta solo di poco più di mille euro al mese!

D’altra parte non lo dice anche il Papa? Bisogna accoglierli! 

Non c’è infatti scritto sul Vangelo “ama il prossimo tuo come te stesso”? Appunto: “come te stesso”. Non più di te stesso!

Eh sì, perché dare più di mille euro al mese ad ogni giovanotto sceso dal barcone, mentre ci sono milioni di pensionati a 500 euro mensili, significa amare gli altri più di noi stessi!  E questo non va bene. Nemmeno per il Vangelo!

2946 visite totali 3 visite oggi

Like
Like Love AhAh Wow Sigh Grrr

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *