Press "Enter" to skip to content

Bad banks

Lettera Politica N. 775

Confesso che mi è venuta profondamente a noia la questione del Debito Pubblico, delle minacce della troika contro l’Italia, del balletto giallo-verde su tutte le questioni di governo. Noia che aumenta quando sento parlare preti da sbarco o pseudointellettuali già in canotta da mare.
Tuttavia, nel silenzio estivo, le banche stanno nuovamente facendo i “loro sporchi comodi”.
Ancora una volta la Germania fa i propri comodi, licenzia 18.000 persone e crea una “bad bank” da 77 mld (cioè espunge i crediti irrecuperabili dal bilancio e li mette in una struttura “neutra” dai contorni giuridici evanescenti – il capitalismo piega il Diritto a proprio uso e consumo, da sempre-).
Dal grafico si vede quali banche e quanto hanno “rubato” ai popoli europei. Se escludiamo la Svizzera ( con 88 mld di CHF), in 10 anni hanno creato un buco di 3.244,44 mld. che nessuno Stato potrà mai ripianare. Solo la BCE e la FED. Come? Stampando carta straccia, che, genuflessi, noi credenti, ci scambiamo. Ma fino a quando?
Di certo, sia le banche centrali – come abbiamo già scritto – ma anche i fondi (che rappresentano i “soliti interessi” ) stanno facendo incetta di oro.
A noi impediscono di stamparci, su carta riciclata, i nostri piccoli, miserevoli miniBot, per giocare a Monopoli 2.0 e pagare il fankazzismo del reddito di cittadinanza e la pioggia di assunzioni nelle Scuole e all’INPS.
Draghi lo ha sentenziato: è contro la legge! (La SUA e di chi rappresenta e non del popolo italiano).
Non puo’ non notarsi che piccoli Stati come la Scozia e l’Irlanda abbiano, con le loro banche, fatto un “buco” di 376 mld la prima e 77 mld la seconda.
Tuttavia la UE ci dice che è preoccupata per le nostre banche.
Il problema dell’Italia non è attaccare ma non sapersi difendere quando pure abbiamo tutte le ragioni dalla nostra parte.
Last but not least: nel grafico del Financial Times non è riportata alcuna banca italiana

2118 visite totali 3 visite oggi

Like
Like Love AhAh Wow Sigh Grrr
26

4 Comments

  1. Gianni facchinetti
    Gianni facchinetti Luglio 14, 2019

    Purtroppo stanno succedendo cose strane in Europa non ultima l elezione di un Presidente PD con il sostegno dei 5*……

  2. Emilio Frasson
    Emilio Frasson Luglio 14, 2019

    Pregevole articolo. Lei è riuscito a mettere su carta la perfetta confusione che ha in testa su economia e finanza. Se analizza pezzo per pezzo, usando i suoi strumenti “da destra”, chiarisce senza dubbio. Lasci perdere il cotonato che si diletta di mini bond ma anche letture frettolose di Keynes. Senza alcuna intenzione offensiva lei mi ricorda i comunisti che cianciavano di Marx senza averlo mai letto. Saluti cordiali

  3. Carlo Drezza
    Carlo Drezza Luglio 18, 2019

    La preoccupazione della BCE riguardo le banche italiane è giustificata dalla situazione mai risolta di Montepaschi, dove si semplicemente messa acqua , in un contenitore bucato senza preoccuparsi di tappare prima il buco .

  4. Roberto Gallo
    Roberto Gallo Luglio 22, 2019

    Io ringrazio sempre quando qualcuno, per ignoranza, attacca me e non quanto scrivo. E’ l’approccio psicologista del pensiero positivista. Io so cosa io ho letto ma non so cosa Lei abbia letto sinora e, quindi, pur con dubbi profondi, mi astengo dal valutare, per inconsistenza, la Sua.
    In ogni modo, quanto scritto, riporta un articolo del FT che, quanto a “perfetta confusione” sui numeri, è perlomeno, inconfutabile.Se invece Lei possiede la dottrina che confuta i numeri riportati dal FT (non le opinioni), allora il prossimo Nobel per l’Economia ha già un nominato.
    Se poi io Le ricordo “i comunisti che cianciavano di Marx senza averlo mai letto”,Le posso assicurare, con assoluta certezza, che non sono comunista.
    I miei migliori saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[sg_popup id=3]