Press "Enter" to skip to content

Come distruggere la civiltà

Lettera Politica N. 774

Tra la sceneggiata scientemente imbastita dai padroni del mondo che finanziano le Ong con il caso Sea Watch, e il mese del “pride“, l’anarco-capitalismo appoggiato dalla più becera sinsitra globalista ha dato il peggio di sé.
Dietro al buonismo di costoro si cela la destrutturazione della civiltà attraverso la deificazione del capitale, che vuole distruggere le sovranità statali, le democrazie, le costituzioni e financo la famiglia, nucleo originario del vivere civile.
L’uomo moderno deve essere quindi anarchico, edonista, orientato esclusivamente al compiacimento di sé, cosa che avviene anche grazie al buonismo a costo zero, ipocrita e privo di reale bontà. Perché? Perché l’uomo sopra descritto è un consumatore senza freni inibitori, ergo al servizio del capitale. Il capitale stesso si serve di questi aborigeni (uomini senza radici) per giustificare l’importazione di massa dei nuovi schiavi, privi di qualunque senso sociale, con il fine di abbassare i costi del lavoro e distruggere i già logorati diritti elementari.
Il gay pride, finanziato dai più grandi gruppi industriali al mondo, d’altro canto ha il compito di sfaldare la famiglia, di creare individui senza nemmeno l’identità di genere donatagli da madre natura, delle persone completamente alienate dalla realtà, manovrabili come marionette, eternamente single ed infedeli, contrari ad ogni sorta di regola, naturale o positiva che sia.
Questo progetto di mondo è incivile, brutto e malefico. Io lo combatterò finché vivo, sperando di condurre questa battaglia con la pietà che si deve alle vittime ingannate da questo male orribile, che si chiama modernità.

530 visite totali 3 visite oggi

Like
Like Love AhAh Wow Sigh Grrr
3211

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[sg_popup id=3]