Crociata contro l’Iran


Lettera Numero: 724

La situazione di pre-allarme con l’Iran presente su tutti i media e fondata come sempre sulla Sindrome pre-TSD (Stress pre-traumatico, come definita da Gilad Atzmon, studioso ebreo della materia) può avere un’interessante chiave di lettura, non religiosa e non legata alla farsa delle “armi di distruzione di massa”.
La crociata contro l’Iran è da tempo presente nella stampa israeliana, al punto che un eminente Rabbino, Moshe Halbertal,  ha dichiarato che un attacco nucleare contro l’Iran è talmudicamente etico.
Questa visione trova pieno accoglimento nell’ipocrita visione del puritanesimo d’oltreoceano che si sente investito della “mission” (un po’ come i Blues Brothers) di agire affinché il volere di Dio possa essere attuato sulla Terra, in cui l’esercito USA rappresenta S.Giorgio che uccide il drago.
Ecco dunque la condanna per “immoralità” contro l’Iran. E l’immoralità va bombardata, come ci hanno insegnato i due Bush e Obama che, preso da foga mistica, ha aumentato di ben 8 volte le spese militari USA rispetto al suo predecessore.
Ma se “preTSS” e “Immoralità” sono i ben noti leitmotiv della politica “pacifista” (ben attenta ai bambini siriani ma non a quelli palestinesi, iracheni, yemeniti,afghani, somali…) non possono essere sottaciute alcune singolari circostanze.
Qualcuno ricorderà che nel 2008 il Generale americano Wesley Clark disse che gli USA si apprestavano a distruggere 7 Paesi in 5 anni: Iraq, Siria, Libano, Somalia, Yemen, Libia e Iran.
Nessuno di questi Paesi fa parte della BIS – Bank for International Settlements – con sede a Basilea – istituita da quella Finanza che aveva finanziato due guerre mondiali (illuminante: “A Study of the Federal Reserve and Its Secrets” E. Mullins) e che controlla tutte le banche centrali.
Gheddafi, nelle grazie di mezzo mondo, ottimo acquirente di armi dagli USA, baciato e riverito prima a Parigi e poi a Roma, stava introducendo il Dinaro oro africano, al quale intendevano aderire alcuni Stati africani. Anche la Siria, nel febbraio del 2006 era uscita, in larga parte, dal sistema del dollaro.
Il Pakistan, il 4 gennaio di quest’anno ha annunziato di uscire dal dollaro nelle transazioni con la Cina: lo stesso giorno gli USA lo hanno inserito  tra i Paesi che violano i diritti umani
Il progetto di ex-dollarizzazione è da sempre nei piani iraniani e fu portato avanti da Ahmadinejad: l’Iran usa l’euro. Anche oltreoceano vale la regola: the buck doesn’t smell bad (pecunia non olet).

2064 visite totali 3 visite oggi

Like
Like Love AhAh Wow Sigh Grrr
131

4 Commenti

  1. Emilio Frasson dice:

    Che il dollaro abbia un valore sostenuto dalle armi è ripetutamente affermato, anche recente mente, da Trump.

    maggio 5, 2018
    Rispondi
  2. STELVIO DAL PIAZ dice:

    tutto questo è possibile perchè, come ebbe ad affermare il grande Poeta ERZA POUND i politici sono i camerieri dei banchieri.

    maggio 7, 2018
    Rispondi
    • Roberto Gallo dice:

      E’ un grande onore per me ricevere il commento di un Grande Italiano come il Camerata Stelvio Dal Piaz.
      Il suo insegnamento di Fede e Coraggio sono la nostra forza nella lotta contro il Sistema.

      maggio 8, 2018
      Rispondi
  3. adelmo dice:

    Vero è che America, la guerrafondaia Inghilterra, Francia e non troppo sotto sotto Germania hanno fatto guerre che ci hanno rovinato senza sentire almeno sentire il parere dell’Italia ma solo di Napolitano e sinistra che hanno voluto la guerra alla Libia di Ghedaffi e Dalema nel ex Iugoslavia. Ma per quanto riguarda i paesi islamici che ci odiono è meglio tenerli lontani e non come certi che vogliono la Turchia in Europa. Le vipere stanno bene in montagna non portale in camera da letto perche prima o prima ancora ti morderanno.

    maggio 8, 2018
    Rispondi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *