Globalizzazione e internazionalismo


Lettera Numero: 710

Si sta facendo strada l’esigenza di ripensare, alla luce della globalizzazione, categorie come “destra” e “sinistra” riconsiderandole con nuovi occhi. Nella “Lettera politica n.706” si sottolineava che oltretutto bisogna considerare che non sono un tutto omogeneo come dimostrato dai sommovimenti a sinistra.
Anche a destra esistono distinzioni. Neo e post-fascisti, populisti, cattolici, conservatori, liberali, socialisti nazionali convivono in un’area che una volta era tenuta assieme dal collante del comunismo-nemico-comune. Ma il comunismo non c’è più. A tenerli uniti oggi c’è la difesa di principi e valori della nostra civiltà messi in discussione dal progetto del Pensiero Unico che porta al dominio del Grande Fratello orwelliano promosso dalla finanza internazionale spacciato come sviluppo ineludibile del Sistema. E’ quindi il sistema liberal-capitalista il nemico della destra. Che, pur partendo da presupposti diversi, è anche il nemico della sinistra. Quella vera, non quella “liberal”. E, dato che l’atto fondamentale della guerra – che è la politica portata aventi con altri mezzi- è la definizione del nemico ( von Clausewitz), destra e sinistra, avendo un nemico comune, dovrebbero essere alleate.
Affermazione azzardata? No. I punti d’incontro sono più di quelli di scontro:

  • base sociale sovrapponibile a causa della proletarizzazione della classe media
  • superamento della lotta di classe per la consapevolezza che l’interesse dei lavoratori e dei datori di lavoro coincidono specie nelle piccole e medie imprese.
  • volontà di mantenere in capo al popolo il potere politico
  • attenzione al sociale
  • attenzione all’ambiente
  • avversione al consumismo, allo strapotere della tecnocrazia europea e ai privilegi delle banche

A dividere destra e sinistra rimane l’internazionalismo, vestigio dell’utopia crollata nel 1989. Ma quei confini che avrebbero dovuto essere cancellati dalla rivoluzione proletaria in realtà sono stati eliminati dal liberal-capitalismo con la globalizzazione. Il cosmopolitismo, che dell’internazionalismo è parente stretto, è l’arma vincente del Grande Fratello perché portando le decisioni sempre più lontano dal popolo, nelle segrete stanze dell’alta finanza, fa il gioco del Sistema ed ha mano libera per attuare il suo programma di dominio.
Il popolo riesce a far valer i propri diritti e ad esercitare la sovranità solo se rimane attaccato saldamente alla propria identità nazionale. E’ questo il concetto che la sinistra deve rielaborare.
E’ questo il nodo principale da sciogliere per costruire un immenso blocco popolare in grado di fronteggiare le oligarchie che ci stanno schiavizzando.

1140 visite totali 3 visite oggi

Like
Like Love AhAh Wow Sigh Grrr
16

4 Commenti

  1. Nazzareno Mollicone dice:

    Analisi ottima e condivisibile!

    febbraio 3, 2018
    Rispondi
  2. STELVIO DAL PIAZ dice:

    Analisi perfettta, ma la cosiddetta sinistra di tutte le gradazioni e sfumature non riesce a superare il richiamo della foresta che si riassume nell’antifascismo come pregiudiziale di ogni trattativa possibile. Sono nostalgici della guerra civile e l’arco costituzionale è il fondamento del sistema che si regge ancora sulla menzogna che si tramanda di generazione in generazione con la ricorrenza festaiola del 25 aprile.

    febbraio 4, 2018
    Rispondi
  3. adelmo dice:

    A forza di parlare uno non segue più il filo; la lezione diventa noiosa perchè non se ne trova piùà la soluzione ne come e dove iniziare a sistemare le cose. Come quando la casa è troppo vecchia e non conviene più sistemarla ma meglio demolirla e rifarla dalle fondazioni, pilastri e cosi via.
    Nel governo non si riesce ne a cambiare ne a demolire; o sono i partiti che non fanno e/o bloccano; o è la magistratura che boccia e/0 dice che non è costituzionle, oppure dice che è fascismo e non si deve fare. Ci vorebbe la legge marziale, e elimanare tutti i corotti, ladri usurai
    e traditori che regalano l’Italia alle orde straniere, multinazionali e banche staniere. -Adelmo

    febbraio 6, 2018
    Rispondi
  4. adelmo dice:

    Come la vedo io: L’Italia è come un campo di concentramento, non c’è reticolati ma poi il numero di codice fiscale ce lo hanno dato,e risultato identico; ci fanno morire lentamente di lavoro fino a 70 anni, di fame basta sentire la TV , di botte o sgozzati dalle bestie (come iKapo nazisti); e sono fortunati quelli che riescono a scappare come dai campi di concentramento; ma per poco ancora perchè toglieranno la pensione a quelli che pensavano di farla franca.
    In poche parole; l’Italia che era un paradiso, l’hanno ridotta a inferno. E ho detto tutto. -Adelmo-

    febbraio 6, 2018
    Rispondi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *