Press "Enter" to skip to content

Il Pd all’attacco del Veneto

Lettera Politica N. 817

La sinistra quando non sa che fare, soprattutto in Veneto dov’è da sempre minoranza, attacca. Invece di proporre soluzioni per far fronte alla più drammatica delle situazioni dal dopoguerra a oggi, se la prende con chi è al governo della Regione e lavora. Nel bersaglio è finito Zaia insieme ai governatori delle regioni più colpite dal virus, unici realmente consapevoli del dramma che l’Italia sta vivendo.
Alessia Rotta e Diego Zardini, deputati del Pd, chiedono l’intervento del governo per commissariare la Regione Veneto per la gestione delle RSA, per la gravità della situazione e per tornare “a garantire la sicurezza degli ospiti e degli operatori delle case di riposo del Veneto”. E pensare che su 330 case di riposo 244 sono risultate negative ai test fatti con i tamponi! Mancava solo che domandassero a Conte di statalizzare la sanità, idea che continua ad aleggiare nelle menti della sinistra e che di tanto in tanto riaffiora.
Una strategia non certo innovativa quella del Pd: denigrare l’avversario ed ergersi a deus ex machina. Questa volta però i sudditi veneti del fratello di Montalbano l’hanno fatta fuori dal vaso: la gestione di Zaia nel contrastare il Covid-19 è stata ed è impeccabile. È bene ricordare che mascherine e respiratori sono stati comprati da Zaia in Svizzera perché, se aspettavamo il governo stavamo freschi! Il diritto di critica è sempre legittimo in democrazia. Ci mancherebbe altro! Ma chiedere di commissariare la regione più efficiente in materia sanitaria è quantomeno azzardato. Criticano Salvini per l’uso della propaganda, ma non pare facciano diversamente. Sta di fatto che Zaia, e altri governatori, sono stati lasciati soli a gestire situazioni drammatiche mentre a Roma si occupavano di scegliere la soluzione più confortevole per gli immigrati irregolari appena sbarcati con il loro carico di contagi.

2112 visite totali 3 visite oggi

Like
Like Love AhAh Wow Sigh Grrr
79

One Comment

  1. federico piazza
    federico piazza Aprile 23, 2020

    i signori dellasinistra italiana dovrebbero tacere visto tutti gli insuccessi che hanno avuto in questi anni sono saccenti boriosi e con la puzza sotto al naso e soprattutto sono solo buoni a fare (come dicono a ROMA )I FROCI COL CULO DEGLI ALTRI.Basta vedere cosa hanno combinato in umbria e lazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[sg_popup id=3]