Press "Enter" to skip to content

Prima i valori o il contratto?

Lettera Politica N. 764

Alcuni non hanno apprezzato la recente Lettera Politica intitolata “La politica della chiacchiere”. Tra le obiezioni quella di non aver compreso la reale portata del Congresso di Verona sulla famiglia. Il senso della Lettera era che non si deve strumentalizzare la famiglia a fini propagandistici perché non è proprietà di nessun partito, e che non si deve farne solo una bandiera da sventolare in piazza se poi non si fanno atti concreti in suo favore.
l’11 aprile, mentre ero a Castelnuovo del Garda dove venivano presentati i risultati concreti delle politiche familiari adottate dal Comune (family impact), mi è capitato di seguire i lavori della Camera con o.d.g. “Mozioni concernenti iniziative a favore della famiglia e per l’incremento della natalità“. Tra queste, anche la mozione n.1-00163 di Fratelli d’Italia che riprendeva i punti promossi dalla Carta di Verona, bocciata dalla Lega per approvare quella unitaria Lega – M5S (n.1-00167) poiché «rappresenta una solida base di partenza per avviare questa più ampia e convergente riflessione, anche perché racchiude ed assorbe gran parte delle indicazioni emerse dai dispositivi delle altre mozioni».
Ciò è in parte vero, ma perché non approvare anche la mozione di Fratelli d’Italia? Per motivi di equilibrio di maggioranza? Per non dare vantaggio elettorale ai concorrenti?
Anche perché risulta da più parti che la moratoria sui temi etici nel contratto Lega-M5S sembra nei fatti valida solo per la Lega. Basti evidenziare, per esempio, il disegno di legge delega approvato dal Consiglio dei Ministri il 28 febbraio scorso in cui si vuole riscrivere il codice civile inserendo i contratti pre-matrimoniali, di fatto privatizzando l’istituto del matrimonio come un qualsiasi contratto commerciale. Ma una data svelerà le vere intenzioni delle parti: il 28 settembre, giorno in cui la Consulta si pronuncerà in tema di eutanasia, se non l’avrà fatto prima il Parlamento. Ed anche qui il il M5S ha già presentato diversi ddl in favore dell’eutanasia attiva. Si ringrazia sempre il Partito Democratico che approvò le DAT. In quella data sapremo se vengono prima i valori o il contratto.

465 visite totali 2 visite oggi

Like
Like Love AhAh Wow Sigh Grrr
13

2 Comments

  1. Beppino
    Beppino Aprile 15, 2019

    PERFETTAMENTE D’ACCORDO!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. stelvio dal piaz
    stelvio dal piaz Aprile 17, 2019

    la famiglia si tutela con fatti concreti che riguardano non solo la parte economico-sociale ma anche promuovendo una campagna di responsabilizzazione del matrimonio. Stelvio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[sg_popup id=3]