Press "Enter" to skip to content

Quando i nodi vengono al pettine

Lettera Politica N. 791

L’attacco della Turchia ai Curdi sembra cogliere di sorpresa il mainstream giornalistico allineato alle “ragioni” che da anni vengono propinate dai Western Powers.
Judicial Watch, una specie di ombudsman della pubblica opinione in causa contro il Dipartimento di Stato e altri poteri USA, ha ottenuto la pubblicazioni di documenti che svelano il piano per isolare il mondo sciita presente in Iran, Siria e Iraq e realizzare uno stato cuscinetto sunnita a nord est della Siria. Piano funzionale a realizzare il gasdotto dal Qatar alla Siria per garantire una conveniente fornitura a Israele e di tagliar fuori la Russia, compresa la destituzione di Assad “spietato dittatore che usa il gas contro i civili “( affermazioni rivelatesi false, come dimostrato dalla BBC).
A questo scopo, armi e sostegno militare ad Al Qaeda in Siria e Iraq da parte dei sauditi, dei loro alleati del Golfo e dei turchi.
Tutto ciò, si avverte in quei documenti declassificati che il yellow journalism ben si guarda dal pubblicare, avrebbe portato alla realizzazione del “Califfato” in chiave anti-sciita. Le centinaia di  migliaia di morti sarebbero state l’inevitabile  prezzo della democrazia, la cui sorgente sarebbe “l’efflato” democratico delle Primavere arabe (pianificate in Occidente, come ormai acclarato).
Perciò i Western Powers si sono messi a finanziare AQ e ISIS in chiave anti-Assad, salvo dichiarare al mondo attraverso una campagna d’informazione deviata che si trattava di lotta a quei “terroristi” che in realtà erano sostenuti e finanziati.
La Russia ha scompaginato questo progetto di distruzione e morte, ma non ha risolto una situazione che, destabilizzata, ha dato sfogo a interessi e odi locali che difficilmente potranno essere composti, rappresentazione del conflitto limitato permanente tanto caro ai poteri finanziari di Oltre Atlantico.
A questo punto, qualcuno doveva pure fare il lavoro “sporco”: chi meglio della Turchia? Non importa se poi a soffrirne è il valoroso popolo curdo, alleato e fornitore di petrolio di Israele attraverso l’oleodotto che dal Kurdistan passa dalla Turchia sino al porto turco di Cehyan. I tradimenti fanno parte della Storia.

1197 visite totali 3 visite oggi

Like
Like Love AhAh Wow Sigh Grrr
12

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[sg_popup id=3]